Il cuore della montagna

L’ associazione “Il Cuore della montagna” nasce nel 1999, nella zona dell’Appennino Reggiano, dalla collaborazione tra medici ed ex pazienti per diminuire la disinformazione legata a patologie cardiovascolari e per sciogliere i rapporti medico-paziente che di solito tendono ad essere piuttosto rigidi.

Il messaggio principale è quindi quello della prevenzione che attraverso eventi di vario genere viene diffuso.

Nel periodo estivo vengono proposte uscite e passeggiate mentre nelle piazze della montagna sono a disposizione degli stands dove possono essere svolti una serie di controlli come ad esempio la misurazione della pressione, test del colesterolo o colloqui sullo stile di vita.

L’associazione ha realizzato anche un libro-ricettario contenente importanti suggerimenti legati all’alimentazione e il progetto di sensibilizzazione “Vivi sano in montagna”, che si propone di coinvolgere i giovani entrando nelle scuole e nei luoghi da essi frequentati.

Tra i diversi eventi organizzati si può citare “Col cuore nel Parco” ovvero una passeggiata, secondo un itinerario studiato da alcuni cardiologi, attraverso il Parco Nazionale, la Pietra di Bismantova.

Molto interessante è il lavoro che svolge questa associazione che sfrutta al meglio il territorio e il paesaggio per aumentare la prevenzione e la sensibilizzazione su un argomento piuttosto spinoso che riguarda un pubblico adulto molto da vicino.

Nonostante le attività proposte siano molto più orientate verso gli adulti è comunque da apprezzare l’impegno a portare il messaggio anche tra i più giovani cercando di educarli ad uno stile di vita sano.

Prendendo da esempio il lavoro svolto da questa associazione si potrebbe sicuramente diffondere il loro progetto anche in altri ambiti della medicina aumentando così l’informazione.

Per quanto riguardo i ragazzi è sicuramente meno scarsa la conoscenza sulla prevenzione o comunque su uno stile di vita sano quando invece dovrebbero essere educati, un po’ dai genitori e un po’ da personale specializzato, fin da subito.

Insomma bisognerebbe aumentare nelle ore scolastiche quella che in alcune scuole viene chiamata “Educazione alla salute”.

Il modo e il mezzo di trasmettere determinate informazioni è molto importante, soprattutto se si parla di ragazzi.

Utilizzare come strumento delle attività pratiche, come le passeggiate per “Il Cuore della montagna”, che siano allo stesso tempo istruttive, è un ottimo modo per far sì che i giovani si appassionino a quello che stanno apprendendo e che in un secondo momento lo mettano anche in pratica.

L’affiancamento di una componente teorica e di una componente pratica del messaggio è, a mio parere, il metodo che funziona meglio per la sua comunicazione.

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...