La narrazione digitale e il museo

Il Digital Storytelling è una tra le principali forme di comunicazione museale che si sono sviluppate negli ultimi anni. Essa deriva dalla ormai collaudata tecnica di Storytelling, che consiste nel “raccontare storie”, siano esse vere o interpretazioni artistiche, prendendo come spunto gli oggetti della collezione di un museo; queste possono essere raccontate in vario modo, ma ciò che accomuna i diversi aspetti dello Storytelling è l’immediatezza con cui vengono trasmesse delle conoscenze al fruitore, coinvolgendolo emotivamente. Si viene inoltre ad instaurare una rete di relazioni tra la collezione e il visitatore, così che il patrimonio culturale non è più concepito come un bene statico ma come bene comune da scoprire, interiorizzare e tramandare.

Il Digital Storytelling, che si sta sempre più affermando nel mondo museale per promuovere la partecipazione e il coinvolgimento del pubblico, unisce in questo senso la tradizione all’uso delle tecnologie; la narrazione, infatti, realizzata in questo caso con strumenti digitali, si avvale del supporto di strumenti quali videoproiezioni, olografie, video-installazioni integrate al percorso espositivo. È una forma di comunicazione creativa e versatile che consiste nel racconto di eventi o impressioni personali, attraverso l’uso di linguaggi tipici del racconto e della sceneggiatura, e che gioca su una forte suggestione visiva e sonora.

Alcuni esempi di progetti realizzati utilizzando questa tecnica sono le installazioni del gruppo Studio Azzurro.
Tra queste il Museo Laboratorio della Mente (Roma) ripercorre la storia dell’Ospedale Santa Maria della Pietà dalla sua fondazione, come ospedale dei poveri forestieri e pazzi, alla sua definitiva chiusura come struttura manicomiale. Il percorso di visita rievoca le memorie del manicomio; è un itinerario immersivo narrativo, che obbliga i visitatori ad un continuo passaggio, fisico e percettivo, tra il dentro e il fuori del mondo del disagio mentale.

Un altro caso è infine quello del progetto Diamond, promosso da Melting Pro, ECCOM e dal Museo Civico di Zoologia di Roma, realizzato con l’intento di riunire un gruppo di musei scientifici e centri di ricerca che vogliono fornire opportunità di apprendimento ad adulti in condizioni di svantaggio attraverso l’uso del Digital Storytelling.

Fonti:
http://www.archeomatica.it/formazione/musei-nuove-tecniche-comunicazione-storytelling-digitale
http://www.artshape.it/quando-il-museo-va-in-scena-nuove-forme-di-comunicazione-museale-tra-narrazione-e-teatro/
https://insegnantiduepuntozero.wordpress.com/2015/02/18/digital-storytelling-cose-come-utilizzarlo-nella-didattica-con-quali-strumenti-si-realizza/
http://meltingpro.org/progetti/diamond/
http://www.studioazzurro.com/index.php?com_works=&view=detail&work_id=42&option=com_works&Itemid=22&lang=it

Annunci

Un pensiero riguardo “La narrazione digitale e il museo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...