Scalata virtuale verso il Monte Bianco

 

“Le Alpi dei ragazzi” la nuova sezione espositiva del Forte di Bard viene ufficialmente inaugurata il 22 settembre alla presenza del presidente dell’Associazione Forte di Bard, Augusto Rollandin. Si tratta di un percorso ludico esperienziale di avvicinamento all’alpinismo, realizzato all’interno dell’Opera Vittorio. Già fruibile dal 4 giugno scorso, nel corso dei primi tre mesi di apertura ha fatto registrare oltre 8.000 ingressi.

Il percorso utilizza molteplici linguaggi e si propone per essere interrogato e “manipolato” dai visitatori che devono innanzitutto scegliere l’itinerario più agevole e l’attrezzatura più adatta per affrontare l’impresa alpinistica che li attende. I contenuti presenti nelle diverse sale sono adatti a consentire innumerevoli sviluppi interattivi offrendo un contesto propedeutico alla frequentazione della montagna e alla pratica dell’alpinismo utile non solo al pubblico dei ragazzi, ma anche degli adulti.

bard6IL PERCORSO

Nove le sale in cui si sviluppa l’ascensione:

La preparazione del viaggio: Nella prima sala i visitatori trovano l’illustrazione dei quattro profili dell’alpinista che corrispondono ai quattro possibili risultati che si otterranno sulla base del punteggio acquisito: dal più sprovveduto al più esperto. I ragazzi potranno confrontare, al termine del gioco, la propria prestazione con i profili descritti, compilando le schede lungo il percorso. I partecipanti formeranno le cordate indossando le imbragature e le corde da alpinista, e si muniranno di schede e matite per annotare il punteggio dei giochi.

L’avvicinamento: In questa stanza di passaggio, testi e immagini raccontano il paesaggio attraversato: dai castagni del fondovalle alle nevi della vetta del Monte Bianco.

Il rifugio: La sala rappresenta l’inizio del viaggio, la preparazione dell’itinerario e dello zaino. I ragazzi dovranno tracciare virtualmente l’itinerario che li porterà in vetta, scegliendo tra diverse opzioni ad ogni tappa tenendo conto delle previsioni metereologiche che si potranno consultare in tempo reale. Ogni cordata si cimenta nella scelta degli oggetti da mettere nello zaino per la scalata del Monte Bianco. Su un tavolo interattivo dovranno scegliere, tra una serie di oggetti fisici, i più adatti a completare lo zaino da portare in escursione.

Il ghiacciaio: Nella sala seguente i ragazzi dovranno affrontare l’attraversamento di un ghiacciaio. Un ”sensitive floor” consente la simulazione del suo attraversamento, reso reale grazie a proiezioni ed effetti speciali.

La cresta: Il gioco simula “il passaggio in cresta”, con la difficoltà di rimanere in equilibrio su una superficie curva e lievemente irregolare, animata da un effetto vento.

La vetta: Qui si conclude l’ascensione virtuale; verrà scattata una foto-ricordo da inserire sul pannello dei veri alpinisti.

Le vette del mondo: Uno spazio per conoscere il nome di grandi alpinisti che sono andati alla conquista delle montagne più alte del mondo.

Lo yeti: La ricostruzione trimensionale di uno yeti comparirà a sorpresa guidando i bambini verso l’ultima sala, un mini auditorium dove viene proiettato un filmato dedicato ai ghiacciai.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...